Localizzatore per anziani, un salvavita necessario

" Il localizzatore per anziani sfrutta la tecnologia gps ed è particolarmente indicato per evitare il wandering. "

Data: 15/4/18 | Vista: 254

Localizzatore per anziani, un salvavita necessario

Localizzatore per anziani per contrastare il wandering

L'incidenza di demenza senile e del morbo di Alzheimer ha fatto sorgere l'esigenza di creare degli strumenti capaci di rintracciare le persone, che possono accidentalmente perdersi dimenticando la strada di casa. I localizzatori per anziani nascono proprio per rispondere a questa precisa urgenza, così da poter sapere in ogni momento dove si trova il soggetto e, nel caso, inviare un sos per essere soccorso. 

Prima di approfondire il discorso, perché non fai un tour virtuale della nostra casa di riposo? Scopri gli ambienti comuni, le camere e il giardino che tanto piace ai nostri ospiti! Se hai domande, siamo qui per te: contattaci e ti risponderemo in pochissimo tempo!

La tecnologia gps al servizio degli anziani 

I localizzatori per anziani sfruttano la tecnologia gps per contrastare il classico fenomeno del wandering (in inglese vagare, vagabondare), tipico dei soggetti anziani che soffrono di vuoti di memoria, demenza o Alzheimer e che tendono facilmente a perdersi anche in zone a loro note. Grazie ad un localizzatore, invece, la famiglia può monitorare costantemente gli spostamenti dell'anziano, mentre questi può inviare un messaggio o un segnale di sos in caso di smarrimento o panico. 

Ciò consente all'anziano di muoversi in libertà e, solo in caso di esigenza, chiedere aiuto grazie al proprio dispositivo. In questo modo si evita una sorveglianza costante, che è richiesta solo nei casi più gravi ed avanzati di tali patologie, ma si permette al soggetto di vivere una vita normale ed attiva. 

Come scegliere il localizzatore per anziani 

La scelta del localizzatore per anziani va fatta assieme alla persona che dovrà usarla. Ciò è fondamentale per due motivi: primo, perché l'anziano possa scegliere in libertà quale sia lo strumento più semplice e comodo da portare con sé e da utilizzare all'occorrenza; secondo, perché così non risulta un'imposizione, ma un aiuto, condizione molto importante a livello psicologico da attuare. 

Per ciò che concerne i modelli, ne esistono di vari in commercio, alcuni facilissimi da usare che richiedono solo di schiacciare un pulsante; altri, invece, sono più tecnologici. Fra i localizzatori per anziani più diffusi ricordiamo: 

  • oggetto con gsp: è la soluzione più semplice per avere un gps tracker, indicato per i soggetti ad uno stadio avanzato della malattia o che non hanno nessun tipo di dimestichezza con la tecnologia. Può essere un orologio da polso, un braccialetto con gsp, una scatolina da tenere al collo: l'importante è portarlo sempre con sé
  • localizzatore semplificato: in genere è un cellulare con funzioni semplificate, che consente di inviare una richiesta di aiuto pigiando un bottone e/o di parlare direttamente con qualcuno
  • app per smartphone: se il soggetto è capace di utilizzare le funzioni più elementari di uno smartphone, allora si potrà far ricorso ad un'app specifica

Cerchi assistenza per una persona anziana? Contattaci e vieni a conoscerci: siamo a pochi chilometri da Roma Nord e da Viterbo!

Contattaci Subito!

"Localizzatore per anziani, un salvavita necessario "

Voto: 5 su 5
di 3 votanti.

Voti Articolo


Torna Su
Aiuto
Hai bisogno di aiuto?