Cioccolato, un alleato del cervello degli anziani

" Secondo recenti ricerche, il cioccolato sarebbe un ottimo alleato del cervello degli anziani: migliorerebbe, infatti, la circolazione sanguigna rendendoli più veloci e attivi. "

Data: 27/10/15 | Vista: 2146

Cioccolato, un alleato del cervello degli anziani

Cioccolato e cervello degli anziani: un connubio perfetto!

Sono molte le ricerche in campo medico che riportano i benefici che il cioccolato ha sull'organismo. Stando ai ricercatori della Harvard Medical Schook di Boston, il merito di questo delizioso alimento sarebbe anche quello di migliorare la circolazione sanguigna nel cervello rendendo gli anziani più veloci e attivi.

Continua a leggere per scoprire tutti i dettagli e se sei in cerca di una struttura di assistenza, contattaci: siamo a tua disposizione!

L'azione del cioccolato sul cervello degli anziani: l'esperimento

L'esperimento anticipato è stato condotto su 60 anziani con età superiore ai 70 anni. A una parte degli anziani è stato chiesto di bere per 30 giorni due tazze di cioccolata calda al giorno; al resto del gruppo, invece, è stato chiesto di non bere cioccolato.

I ricercatori che hanno condotto l'esperimento hanno rilevato che gli anziani che non avevano bevuto cioccolato avevano subito una tipica e normale riduzione della circolazione sanguigna nel cervello; gli anziani, invece, che avevano bevuto le due tazze di cioccolata calda al giorno avevano una circolazione sanguigna nel cervello ritornata a valori adeguati soprattutto nelle aree legate alle attività cognitive.

Sottoposti, infine, a dei test di memoria è stato scoperto che erano diventati più rapidi rispetto agli stessi test condotti prima dell'esperimento.

Il cioccolato e i flavonoidi

Solitamente sono i flavonoidi, sostanze presenti all'interno del cioccolato e in particolar modo in quello fondente, che sono i responsabili degli effetti benefici di questa pietanza.

In questo caso, però, i benefici del cioccolato non sono stati legati alla loro presenza. Ciò significa che gli effetti benefici, in questo caso, non sono strettamente legati al cioccolato fondente naturalmente ricco di flavonoidi ma a qualsiasi tipologia di cioccolato.

Bere due tazze di cioccolato caldo al giorno, quindi, può essere un'ottima abitudine alimentare per gli anziani soprattutto nei mesi invernali: il calore del cioccolato non può che aiutarli anche a contrastare la sensazione di freddo che spesso avvertono.

Sei in cerca di assistenza per un tuo caro anziano? Contattaci per maggiori informazioni!

Contattaci Subito!

"Cioccolato, un alleato del cervello degli anziani "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su
Aiuto
Hai bisogno di aiuto?