Anziani e farmaci, diminuiscono le prescrizioni per ultranovantenni

" Anziani e farmaci: un recente studio dimostra come il numero delle prescrizioni diminuisca con l'età. Entra e scopri tutti i dettagli! "

Data: 15/10/15 | Vista: 816

Anziani e farmaci, diminuiscono le prescrizioni per ultranovantenni

Anziani e farmaci: smentito l'assunto che le prescrizioni aumentino con l'età

Uno studio condotto dagli specialisti in ambito geriatrico dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha smentito l'assunto secondo il quale le prescrizioni di farmaci aumentino progressivamente ed esponenzialmente con l'avanzare dell'età dimostrando, invece, come a partire dai 90 anni, l'assunzione di farmaci inizi a calare.

La relazione tra anziani e farmaci, quindi, sembra indicare la presenza di necessità che variano sensibilmente con il trascorrere del tempo. L'assistenza agli anziani non può non tener conto del variare di queste esigenze: nella nostra struttura tutti gli ospiti ricevono infatti un'assistenza personalizzata in base alle loro esigenze. Se hai bisogno di maggiori informazioni, contattaci!

Anziani e farmaci: le tre fasce d'età

Lo studio condotto dall'AIFA ha dimostrato come il numero delle prescrizioni mediche vari moltissimo in base all'et√†. Orientativamente, si va da un minimo di 2 prescrizioni per le persone con meno di 65 a un massimo di pi√Ļ di 7 prescrizioni per gli anziani con et√† compresa tra gli 80 e gli 84 anni.

A partire dagli 85 anni, invece, il numero delle prescrizioni dei farmaci inizia nuovamente a calare: gli ultra novantenni prendono una quantità di farmaci molto simile a quella delle persone con meno di 65 anni.

Questo importante studio ha smentito le ricerche presenti fino a oggi che presupponevano un aumento graduale dell'assunzione di farmaci: si è scoperto, invece, che i grandi anziani non assumono moltissimi farmaci.

Cambiano le tipologie di farmaci con l'avanzare dell'età

Un altro aspetto fondamentale portato alla luce dalla ricerca condotta dall'AIFA è stato quello di aver notato un sostanziale cambiamento della tipologia di farmaci che assumiamo nel corso della nostra vita e, in particolare, nella terza età.

Il consumo di alcune tipologie di farmaci, per esempio, è molto ridotto nei grandi anziani: è il caso dei farmaci per abbassare il colesterolo oppure di quelli anti-ipertensione. In compenso, aumenta il consumo dei farmaci che hanno il compito di alleviare i sintomi delle patologie e quelli utili a curare malattie acute, come gli antibiotici.

Lo studio, inoltre, ha dimostrato anche che le donne ultra novantenni tendano ad assumere un numero superiore di farmaci rispetto agli uomini della stessa et√† lasciando intendere che questi ultimi giungano alla soglia dei 90 anni e oltre pi√Ļ in salute.

La nostra casa di riposo mette a disposizione personale qualificato per l'assistenza agli anziani: contattaci per fissare un appuntamento!

Contattaci Subito!

"Anziani e farmaci, diminuiscono le prescrizioni per ultranovantenni "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su
Aiuto
Hai bisogno di aiuto?